Stampa
Contenuti

Titolo dell'opera:

Nella contrada (1964)

Autore:

Luigi Bracchi

(Tirano, Sondrio 1892 - Milano 1978)

Dimensioni:

cm 70x84

Tecnica:

Olio su tela

Stile:

Naturalismo novecentesco

Firma:

Firmato in basso a destra: BRACCHI

Provenienza:

Acquisto da collezione privata

Bibliografia

Franco Monteforte, Tracce. Il paesaggio evocativo nell'arte valtellinese del secondo Novecento, Banca Popolare di Sondrio, 2018.

Nella contrada (1964)

Il tema del ponte attraversato da una figura solitaria è abbastanza frequente in Bracchi. La figura non ha però carattere aneddotico, ma enigmatico, incrementa cioè sottilmente il senso sottilmente panico e misterioso dello scorcio, fresco di ombra e di verde, su cui il rosa dell'abito della donna squilla come un sorriso. Bracchi non racconta, ma descrive con precisione. L'inquadratura dilatata della strada in primo piano prepara il nostro occhio a curvare sul ponte insieme alla donna in rosa. La prospettiva chiusa e ribassata dello scorcio concentra, a sua volta, l'attenzione sulla macchia rosa del suo vestito, aggiungendo un tocco di suggestiva eleganza al fresco nitore dell'insieme. Il rosa dell’abito della donna squilla come un sorriso nel tono grigio e verde della scena e il colore ha qui più che mai quella morbidezza serica che, a suo tempo, colpì il grande critico Somaré.